Sakineh, condanna a morte per adulterio: appelli della Francia e dell’Italia

Sakineh, condanna a morte per adulterio: appelli della Francia e dell’Italia

Sakineh Mohammadi Ashtian

Dopo la notizia della commutazione della pena da morte per lapidazione a impiccagione per Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana accusata di adulterio e concorso in omicidio nel 2006, si moltiplicano le pressioni internazionali per fermare il boia. √Č la Francia oggi a far sentire la sua voce tramite il portavoce del ministero degli Esteri che ha chiesto all’Iran di fermare la condanna, rispettando i patti che aveva sottoscritto. “Siamo estremamente preoccupati per le notizie circa una prossima impiccagione di Sakineh“, ha dichiarato. “Chiediamo alle autorit√† iraniane di rinunciare a questa esecuzione, rispettando gli impegni internazionali che l’Iran ha sottoscritto“.

La storia di Sakineh nel corso del tempo √® diventata un simbolo della lotta alla pena di morte in tutto il mondo. La donna si trova ora nel braccio della morte, ma, come ricorda Amnesty International, ha gi√† ricevuto 99 frustate come pena per l’adulterio in base alla legge islamica. La Francia, che si batte strenuamente a fianco di altre nazioni come l’Italia, per fermare la pena di morte ha ricordato anche il caso di Asia Bibi, la donna pakistana condannata per blasfemia, e che si otrva oggi in uno stato di salute pericoloso sia fisico che mentale.

Un appello √® partito anche dall’Italia tramite Taher Djafarizad, membro dell’ong “Neda Day” e attivista per i diritti civili iraniano. “Lancio un appello, a nome degli iraniani presenti in Italia, a tutti i sindaci, in particolare a quelli di Roma, Pordenone, Firenze, Padova e a tanti altri che esponendo la gigantografia di Sakineh si sono impegnati nella sua difesa, di non desistere e di intervenire presso le autorit√† competenti per salvarla“.
Il caso di Sakineh: dalla condanna a morte per lapidazione a quella per impiccagione
Una nuova pagina della tremenda vicenda di Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana accusa di adulterio dopo l’omicidio del marito e condannata a morte nel 2006 per lapidazione. Ora per lei ci sarebbe l’esecuzione della sentenza per impiccagione, come scrive l’agenzia degli studenti iraniani Isna. Gli esperti di diritto islamico stanno infatti valutando se sia possibile commutare non la pena di morte, sospesa dopo le proteste della comunit√† internazionale nel 2010, ma solo le modalit√†.

Una vicenda quella di Sakineh che ha scosso la societ√† civile. La donna √® stata condannata alla lapidazione con l’accusa di adulterio e omicidio per la morte del marito.

Alla notizia della sentenza il mondo civile e la comunit√† internazionale si era battuta per chiedere lo stop dell’esecuzione e una revisione del processo.

Una battaglia che al momento ha fermato il boia, ma che non ha liberato la donna, ancora detenuta nel braccio della morte.

“Non c’√® fretta. Stiamo aspettando di vedere se possiamo portare a termine l’esecuzione di una persona condannata alla lapidazione con l’impiccagione o no“, ha detto Malek Ajdar Sharifi, capo del dipartimento di Giustizia della regione iraniana dell’Azerbaijan orientale, dove la donna √® incarcerata.

Gli esperti di diritto islamico stanno studiando il caso, ma solo per capire se sia possibile commutare la modalit√† della pena con l’impiccagione. Secondo quanto scrive l’agenzia Isna l’ayatollah Sadeq Larijani ha ordinato di fermare l’esecuzione solo per dare il tempo agli esperti di dare il loro assenso.

Non appena i risultati dell’indagine saranno disponibili, porteremo a termine la sentenza“, ha concluso Sharifi.

617

Segui Haisentito

Mer 28/12/2011 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Nemo profeta 27 dicembre 2011 01:59

E finiamola con questa barzelletta, è trita e ritrita!

Rispondi Segnala abuso
Vincenzo 28 dicembre 2011 13:31

“Condannata per adulterio”
veramente sembrerebbe “per adulterio e per aver accoppato il marito”

Rispondi Segnala abuso
Seguici