Maschere di carnevale italiane tradizionali: origini e curiosità [FOTO]

Maschere di carnevale italiane tradizionali: origini e curiosità [FOTO]

Le maschere classiche del Carnevale

Come di consueto alle porte del Carnevale, ogni anno, inizia la caccia alla maschera più originale e trendy del momento. Ma perché non rispolverare le maschere classiche di Carnevale della tradizione italiana? Ormai il nuovo sembra annoiare, ragion per cui il made in Italy, da qualche anno a questa parte, diventa sempre più “popolare” e apprezzato. A questo punto giungono in nostro soccorso le maschere di carnevale italiane tradizionali, che spesso soccombono sotto i vari Super eroi in voga al momento. Ogni regione italiana ha il suo costume, rinfreschiamoci la memoria insieme.

  • Arlecchino
  • Arlecchino
  • Brighella
  • Capitan Spaventa
  • Colombina
  • Coviello
  • Gianduja
  • Meneghino
  • Pantalone
  • Peppe Nappa

Partiamo dal leader del carnevale italiano, quell’Arlecchino vestito di cento colori, che in epoche passate, quando ancora si ricordava che il Carnevale rappresentava un giorno di contatto fra il regno dei vivi e quello dei morti, aveva chiare ascendenze infernali. Di origini lombarde, vive a Bergamo e ha un costume multicolore perché essendo povero, gli amici gli regalano pezze colorate per farsi il vestito. Indossa una maschera nera, ha una spatola in mano ed è molto furbo, ma anche estremamente pigro.

Balanzone

Passiamo poi a Balanzone, la maschera più ciarliera, vestito di nero con un collettone bianco, parla a getto, sbagliando sempre la grammatica e la sintassi.

brighella

Sempre di Bergamo è anche Brighella, rappresenta il servo buffo e intrigante. La sua maschera di Carnevale è semplice: mantello, giacca e pantaloni bianchi, con striscia verde.

Capitan Spaventa

Meno noto è forse Capitan Spaventa, noto anche come Capitan Fracassa. E’ una maschera ligure, vestita di rosso a strisce gialle, fa molto rumore trascinandosi appresso una lunga spada (anche se preferisce parlare al combattere).

colombina

Passiamo a una delle poche maschere femminili, della tradizione italiana, Colombina, servetta graziosa, furba e impertinente. La maschera è di origine veneta, più precisamente di Venezia e, infatti, nelle rappresentazioni teatrali, il suo accento è spiccatamente veneziano.

Difende la sua padrona Rosaura e non esita a prendersi gioco di chi la circonda.

coviello

Originario della Calabria è Coviello, che alterna il ruolo di seduttore a quello di ruffiano a quello di capitano, per finire con quello di suonatore di mandolino. Da Torino ci raggiunge invece Gianduja, discreto, caparbio e silenzioso come tutti i piemontesi, veste di marrone con il classico tricorno e il codino.

Di nuovo dalla Lombardia abbiamo Meneghino, più precisamente da Milano. E’ un servo senza maschera, pronto ad aiutare gli altri e svelto con le parole.

Di nuovo dal Veneto, sempre da Venezia, arriva Pantalone. Vestito con camicione e calzamaglia rossa, indossa una maschera nera con annessa cuffia e rappresenta un vecchio mercante tirchio, brontolone e testardo.

Peppe Nappa è invece un’agile maschera siciliana, di casa in cucina e capace di trarsi fuori da ogni impaccio.

Da Napoli arriva invece l’intramontabile Pulcinella, pantalone e camicione bianco, maschera nera, gobba, è impertinente, loquace, chiaccherone e ama bere e mangiare. E dormire ovviamente.

Nel Lazio abbiamo invece Rugantino, rappresenta il popolano violento, rissoso, ma generoso: in pratica l’antenato del bullo moderno.

Stenterello, arriva dalla Toscana, giacca blu, calze spaiate: saggio, arguto, ama aiutare i poveri e sfuggire ai creditori.

Le maschere sono davvero tantissime, oltre a quelle più note e famose ce ne sono tante altre, che seppur meno conosciute meritano almeno di esser viste, per questo consultate la nostra gallery per conoscerle e chissà che non troviate una maschera davvero originale e tradizionale con cui festeggiare il Carnevale che sta per arrivare.

720

Vedi anche:

Che maschera di Carnevale sei? [TEST]
Nei rapporti con le altre persone tendi ad essere più:
  • intrigante
  • consigliere
  • tranquillo/a (stai al tuo posto)
Rispondi
Segui Haisentito

Lun 20/01/2014 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici