Esami di maturità 2011, la soluzione della seconda prova di Economia aziendale

Esami di maturità 2011, la soluzione della seconda prova di Economia aziendale
  • Commenti (6)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Esami maturità 2011 soluzione economia aziendale

La seconda prova della maturità 2011 segna anche la soluzione per economia aziendale, già diffusa sul web. Così come per tutte le altre scuole e le altre materie di esame, anche per l’istituto tecnico commerciale si conosce la soluzione della seconda prova d’esame grazie alla diffusione tempestiva su molti siti internet, come il nostro. La soluzione della materia, com’è ovvio che sia, è conosciuta all’esterno e non abbiamo nessuna notizia se è stata possibile comunicarla anche agli studenti all’interno delle scuole. È nostra opinione, tuttavia, pensare che questo sia stato possibile, così come è stato possibile portare fuori dagli istituti tutte le tracce ufficiali degli esami, sia con sms sia con mms, le foto scattate con i telefoni cellulari.

Dopo la soluzione della seconda prova di Informatica, di seguito inseriamo la soluzione alla traccia di economia aziendale.

Economia aziendaleSoluzione

Definizione Reddito esercizio: Il reddito è l’’incremento che, in un determinato periodo di tempo, il capitale di un’impresa subisce per effetto della gestione,vale a dire,per effetto del risultato economico conseguito utile o perdita d’esercizio. La forma scalare consente di esporre risultati parziali progressivi, che evidenziano come si è formato il reddito d’esercizio e che indicano il contributo delle varie aree di gestione alla sua formazione:

1. risultato della gestione caratteristica o tipica
2. risultato dopo la gestione patrimoniale (gestione accessoria).
3. risultato dopo la gestione finanziaria
4. risultato dopo la gestione straordinaria
5. risultato prima delle imposte
6. risultato dell’esercizio (risultato della gestione complessiva, al netto delle imposte, ottenuto tenendo conto delle opportunità offerte dalla normativa fiscale).

Gestione caratteristica
Comprende i ricavi e i costi della gestione tipica dell’azienda, è l’attività volta a realizzare l’oggetto dell’impresa. In primo luogo, si considerano i ricavi per vendite o prestazioni di servizi, ai quali vanno sottratti i costi di produzione e le spese commerciali, amministrative e generali.
Gestione non caratteristica
Rientrano in questa categoria tutti quei fenomeni che non fanno parte (o non sono classificabili) nella “gestione caratteristica”.
Gestione patrimoniale Anche detta gestione accessoria. Rientrano nell’ambito della gestione extra-caratteristica tutti i fenomeni e tutte le operazioni (e quindi gli oneri e i proventi) estranee alla gestione tipica (marginale) ma che si verificano e si svolgono con continuità nel corso dell’esercizio (periodo amministrativo).

Gestione finanziaria
È l’attività di gestione volta al reperimento dei mezzi finanziari necessari all’attività d’impresa e all’impiego delle risorse eccedenti. In particolare, la direzione finanziaria deve, attraverso la gestione dei flussi di entrata e di uscita, essere in grado di assicurare la liquidità aziendale evitando una sottocapitalizzazione dell’azienda, ossia evitando un eccessivo indebitamento.
Gestione straordinaria
La forma scalare del conto economico consente di distinguere i componenti ordinari del reddito da quelli straordinari che, in quanto tali, sono irripetibili. Il termine straordinario è legato non all’eccezionalità o
l’anormalità degli eventi da cui gli stessi derivano, bensì la estraneità della fonte del provente o dell’onere all’attività ordinaria.

Effetti della crisi economico finaziaria:
L’improvviso calo della domanda provoca una reazione a catena lungo la struttura operativa e organizzativa dell’azienda che si manifesta secondo la seguente sequenza:
1) diminuzione degli ordini,
2) drastica riduzione dei volumi di produzione,
3) aumento delle scorte,
4) riduzione delle ore lavorative,
5) cassa integrazione,
6) conflitti sindacali,
7) diminuzione del fatturato.

603

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 23/06/2011 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Denise 23 giugno 2011 21:32

ma lo stato patrimoniale e il conto economico??? ci serve la traccia svolta thank u!

Rispondi Segnala abuso
Gio 24 giugno 2011 00:17

prova a studiare un po di più

Segnala abuso
Mara 23 giugno 2011 23:02

ecco infatti il conto economico e lo stato patrimoniale? cioè si faceva normalmente con gli indici no?

Rispondi Segnala abuso
26 giugno 2011 08:43

secondo me bisognava partire con il calcolo del flusso generato dalla gestione reddituale (costi monetari – ricavi monetari) e una volta trovato andava scomposto col metodo indiretto e a quel punto decidevi cosa metterci di costi e ricavi non monetari.. peccato che l ho capito solo alla fine XD

Segnala abuso
Gio 24 giugno 2011 00:19

cosa dici riesci a usare la testa o la fai funzionare solo per le cavolate del grande fratello

Rispondi Segnala abuso
Seguici