Ad Amburgo in crisi i locali per adulti del quartiere St. Pauli

Ad Amburgo in crisi i locali per adulti del quartiere St. Pauli

st pauli amburgo

Sar√† colpa del dollaro troppo basso, o del prezzo del petrolio che √® troppo alto, o ancora dell’elevato aumento del costo del grano: tutto il mondo √® in crisi. E anche un settore che solitamente non conosce mai alcun venerd√¨ nero, questa volta deve fare i conti con una nuova realt√†. La crisi economica colpisce anche i bordelli. Lo sa bene Waltraud Mehrer che ha dovuto chiudere il suo storico bordello nel quartiere a luci rosse di St. Pauli, ad Amburgo.

Era dal 1948 che l’Hotel Luxor di St. Pauli lavorava: e nessuna crisi lo aveva mai colpito. Fino ad oggi, almeno, quando la proprietaria, la signora Waltraud Mehrer, ha dovuto venderlo ad un investitore, che ha gi√† messo le carte in chiaro: non continuer√† l’attivit√† precedente. Il bordello chiuder√†. Ma a cosa √® dovuta realmente questa crisi? Tutta colpa di internet, che fa una concorrenza spietata e sleale nei confronti dei veri bordelli.

La pornografia diffusa via internet, le prostitute per strada e le nuove discoteche sorte nel quartiere a luci rosse di Amburgo, sarebbero la causa. “Non si pu√≤ pi√Ļ fare soldi importanti vendendo il “. Questo il suo amaro commento!

256

Fonte | Tiscali

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 07/05/2008 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Gio 7 maggio 2008 10:23

“Non si pu√≤ pi√Ļ fare soldi importanti vendendo sesso”: ah, ecco! soldi “importanti”, cio√® tanti… come molti commercianti o si fanno tanti soldi o si √® in crisi!! ma la via di mezzo? il guadagnare quel poco senza esagerare in su o in gi√Ļ?
o guadagni gianteschi o niente? che tristezza…

Rispondi Segnala abuso
7 maggio 2008 16:05

quoto quel buon uomo di Gio…:)
che schifo di mondo…

Rispondi Segnala abuso